Tag "Chico Forti"

Movimento “L’Onda di Chico”: “Bisceglie dia un forte segnale di vicinanza”

I recenti speciali della trasmissione “Le Iene” sulla vicenda di Chico Forti hanno alzato l’asticella dell’attenzione dell’opinione pubblica a livello italiano. Si assiste cosi a molte iniziative private per richiedere interventi decisi ed efficaci al fine avere giustizia per Chico, anche Bisceglie dovrà dare un segnale forte di vicinanza – comincia cosi la referente del movimento l’Onda di Chico – Laura Lanza. Il nostro Enrico è stato ritenuto colpevole di

Chico Forti scrive al biscegliese Velletri, “Mi hai commosso, presto verrò a stringerti la mano”

La vicenda legata alla storia di Chico Forti, connazionale condannato all’ergastolo per omicidio negli Usa, ma che negli anni si sta rivelando un incredibile errore giudiziario, ha sollevato negli ultimi mesi una mozione popolare in Italia per spingere il Governo a chiedere a quello statunitense di riportare Forti nel nostro Paese. Una missione che ha visto in prima fila la redazione del programma televisivo Le Iene e che ha portato i

L’artista biscegliese Domenico Velletri a Le Iene per chiedere giustizia per Chico Forti

Gaston Zama, inviato della trasmissione di Italia1 “Le Iene”, ha attraversato la Penisola da Sud a Nord per raccogliere storie, opinioni, mobilitazioni di chi si è attivato per chiedere giustizia per Chico Forti, velista e produttore televisivo che nel 2000 è stato condannato all’ergastolo per omicidio negli Usa. Forti si è sempre dichiarato innocente e vittima di un madornale errore giudiziario. Tanti i cartelloni affissi nelle città italiane, come testimoniato anche

Giustizia per Chico Forti, Bisceglie a sostegno del connazionale condannato all’ergastolo

C’è anche Bisceglie tra le tantissime città italiane che hanno deciso di abbracciare la campagna promossa da “L’Onda di Chico“, movimento spontaneo nato per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla vicenda giudiziaria che ha coinvolto Enrico “Chico” Forti, l’italiano detenuto negli Stati Uniti da oltre 20 anni e condannato all’ergastolo con l’accusa di omicidio. Negli scorsi giorni sono comparsi dei cartelloni nei pressi della rotatoria di via San Martino, rotatoria che collega