0°C Can't get any data. Weather

,

Tag "sala consiliare"

Palazzo san Domenico, torna a splendere la sala consiliare, oggi prima seduta / FOTOGALLERY

Taglio ufficiale del nastro ieri, 30 maggio, al secondo piano di Palazzo san Domenico: la sala consiliare della città di Bisceglie torna ad aprire le sue porte al consiglio e ai cittadini. Dopo sette anni di chiusura per lavori di manutenzione finanziati in parte dalla Regione Puglia e in parte dal Comune di Bisceglie, la sala consiliare tornerà ad ospitare già da quest’oggi, 31 maggio, le sedute della massima assise

La sala consiliare di Palazzo San Domenico riapre dopo 7 anni

La sala consiliare di Palazzo San Domenico riapre i battenti. La cerimonia avrà luogo domani, 30 maggio alle ore 18. La sala che storicamente ha ospitato i consigli comunali cittadini, torna agibile dopo 7 anni di lavori legati al miglioramenti sismico che hanno riguardato l’intero stabile e che sono tutt’ora in corso in alcune zone dell’immobile. Dopo un lungo periodo in cui i consigli comunali hanno avuto luogo nell’auditorium dell’ex

Torna agibile la sala consiliare di Palazzo san Domenico

Tornano fruibili e agibili l’ala al primo piano di Palazzo san Domenico, sede della Ripartizione Finanziaria, e l’aula consiliare del secondo piano. Nel 2012 entrambe le aree erano state chiuse al pubblico con apposita ordinanza sindacale ai fini della salvaguardia della pubblica incolumità. Nel 2017 sono partiti i lavori di miglioramento sismico di Palazzo san Domenico. Pochi giorni fa, il 3 maggio 2019, l’ufficio tecnico ha rilasciato il certificato di

Due milioni di euro dalla Regione Puglia per lavori a Palazzo san Domenico

Avevamo come l’impressione, ormai da mesi, che ormai la sala consiliare dovesse continuare a essere non più quella messa a nuovo dall’ex sindaco Franco Napoletano e dai toni inconfutabilmente e marcatamente istituzionali di Palazzo san Domenico, ma l’Auditorium Santa Croce, all’ingresso del borgo antico. E invece tra qualche mese potrebbero partire i lavori al secondo piano di Palazzo di Città grazie a uno stanziamento della Regione Puglia che ammonta a