Tag "caritas"

Numerose associazioni biscegliesi per un corteo volto al ricordo delle vittime del mare

È passato ormai un un mese dalla strage avvenuta il 19 aprile al largo di quel Mar Mediterraneo da molti già ribattezzato con il nome di Mare Monstrum, perché diventato destinazione ultima per oltre 40.000 persone solo tra il 2000 e il 2012. In quella tragica notte, 900 migranti, tra donne, bambini e padri di famiglia, in fuga da realtà violente e spaventose, sono morti annegati nello straziante silenzio dell’acqua.

L’Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie aderisce alla raccolta fondi pro-Nepal della CEI / DETTAGLI

La CEI – Conferenza Episcopale Italiana, nell’intento di dare il proprio contributo al popolo nepalese, colpito dallo scorso 25 aprile dal terribile terremoto e dalle scosse di assestamento dei giorni successivi che hanno provocato più di ottomila vittime, ha indetto una raccolta fondi all’interno delle Arcidiocesi italiane. Naturalmente anche l’Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie aderisce all’iniziativa, e in tutte le chiese sarà possibile donare un contributo a favore di Caritas Nepal, che

Sabato 14 febbraio Banco Farmaceutico a Bisceglie

Nasce ufficialmente nel dicembre del 2000 a Milano, ma quel che conta è che quindici anni dopo la “Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco” sia diventata un piacevole appuntamento dove dare dimostrazione di sensibilità e vicinanza ai meno fortunati. Oltre 3500 le farmacie aderenti, per una giornata che in 14 anni ha raccolto ben 3.400.000 farmaci per un controvalore commerciale di circa 20 milioni di euro. L’evento quest’anno è previsto

Il 2014 di Caritas e Recuperiamoci: «Aumentano le tipologie di povertà, situazione allarmante»

Lasciato il vecchio anno alle spalle, abbiamo tracciato un bilancio delle attività e della situazione legata a povertà e solidarietà insieme a Rufina Di Mougno, responsabile Caritas e Progetto “Recuperiamoci – ridiamo vita al cibo”. Intanto, Rufina, come avviene la cooperazione, il dialogo, l’interazione tra le diverse Caritas parrocchiali? «La Caritas cittadina, attraverso i suoi referenti parrocchiali, si riunisce una volta a settimana per capire quali siano le migliori strategie

Successo per la tombolata di beneficenza al Vesparossa

Aiutare il prossimo, condividere la gioia di un pasto e regalare momenti di felicità a chi ne ha più bisogno, a chi soffre quotidianamente. Con questo obiettivo si è svolta ieri sera la tombolata di beneficenza presso il Vesparossa Store di via Petronelli 15. Per acquistare una cartella ogni giocatore doveva portare da casa un alimento di prima necessità da donare alla Caritas parrocchiale di San Lorenzo. E i doni

Domani al Vesparossa tombolata di beneficenza per la Caritas

“E’ Natale per tutti, anche per i più bisognosi”. Con questo slogan nasce la nuova lodevole iniziativa promossa dal Vesparossa Store di via Petronelli 15. Per domani 27 dicembre, infatti, lo staff del Vesparossa ha pensato a una tombolata di beneficenza in collaborazione con la Caritas. Per acquistare una cartella ogni persona dovrà portare, da casa, un alimento di prima necessità, che sarà donato alla Caritas della parrocchia di San Lorenzo di

5000 euro per il progetto “Recuperiamoci”, la giunta comunale vota all’unanimità il cofinanziamento

Il comune di Bisceglie ha concesso un contributo di 5.000 euro per il prosieguo del progetto “Recuperiamoci” promosso dalla Caritas Diocesana di Trani-Barletta-Bisceglie ed affidato in gestione all’associazione “A.P.S. PortAperta” di Bisceglie. L’attività svolta da tale progetto è nota da tempo a tutta la cittadinanza biscegliesi, “Recuperiamoci” infatti si occupa di distribuzione e recupero di donazioni di beni alimentari. L’attività svolta dai volontari del progetto è concreta e tangibile, lo

Povertà e nuova povertà, storie di disperazione, dolore, rabbia e dignità infinita: ne abbiamo parlato con Don Ferdinando (San Lorenzo)

Con Don Ferdinando Cascella, parroco di San Lorenzo, e Tonia Di Corato, del Centro Caritas San Lorenzo, abbiamo parlato del delicato tema della povertà, delle difficoltà e dei bisogni crescenti della comunità, dei casi di nuova povertà, di gente che fino a qualche anno fa non avrebbe mai pensato di finire in uno stato di indigenza. Un fenomeno che si allarga a macchia d’olio, determinando un vistoso aumento della rabbia