A distanza di quasi due anni dell’affidamento dell’area verde all’associazione Zonaeffe (leggi qui) si torna a parlare della realizzazione del parco-orto-giardino di via Verdi.

Da settembre 2015 sino ad oggi nessun sostanziale recupero dell’area sembra esser stato effettuato, in realtà il comune di Bisceglie ha ricordato che a partire dall’autunno 2015, grazie al lavoro del Centro educazione ambientale comunale, vi sono state: “Attività, inquadrate nell’ambito del Programma regionale di Informazione, formazione ed educazione alla sostenibilità, rientranti nel progetto Open Air, primo classificato a livello regionale tra tutte le proposte pervenute dai Nodi comunali Infea, a corredo dell’avvio della riqualificazione di quell’area”, nello specifico queste tutte queste iniziative “hanno previsto una serie di altre attività: didattica ambientale, eventi, incontri pubblici, monitoraggio della qualità dell’aria con posizionamento di radielli, mobility management scolastico, azioni formative e tanto altro ancora”.

L’attività svolta in questi due anni è stata quindi principalmente di: “ascolto e dialogo con i residenti, le scuole, i cittadini, gli esperti, ed è avvenuta sia “open air” con iniziative di varia portata (bonifica e pulizia dell’aria, incontri con i residenti del quartiere, visite con le scuole) sia promuovendo attività negli spazi attrezzati della sede del Centro Ambientale Comunale al castello Svevo Angioino”. Da tutte queste iniziative “è risultata una proposta d’intervento, redatta nella forma dello Studio di fattibilità che ZonaEffe, ente gestore del Cea, ha reso disponibile al Comune di Bisceglie. La ripartizione Tecnica comunale, recependo la proposta, con opportune ottimizzazioni tecniche ha potuto candidarla a finanziamento su un avviso pubblico regionale che prevedeva la partecipazione tra gli elementi premianti, intercettando così le risorse per attuare l’intervento”.

Sembra quindi essere ormai cosa certa la nascita di un nuovo spazio verde per la città, dopo due anni di attesa il Comune assicura che l’area verde nella periferia sud di Bisceglie: “avrà una piccola piazzetta, un’area giochi attrezzata per l’uso inclusivo di bambini con diverse abilità, un’area destinata a piccolo orto didattico, a vantaggio delle scuole limitrofe, dei residenti e delle cooperative sociali presenti nel quartiere, e un’area verde destinata a giardino condiviso che sarà attrezzata anche con elementi d’arredo realizzati con le scuole e la realtà del terzo settore impegnate in laboratori di autorecupero (panchine, giochi, pannelli informativi)”.

“Un approccio, quello della progettazione partecipata, che questa amministrazione ha promosso in anticipo sui tempi risultando premiata per la sua capacità amministrativa di ascolto del territorio e delle esigenze dei cittadini”, ha commentato il Sindaco Spina, “in tema di gestione dei parchi urbani e giochi per bambini, nel corso degli ultimi tempi, a dispetto di sterili polemiche, abbiamo davvero fatto tanto intercettando fondi su bandi diversi”. Il Sindaco ha concluso il suo intervento ricordando i nuovi “playground” realizzati in: “in scuole elementari, scuole per l’infanzia, parchi pubblici a copertura di tutte le zona della città: Scuola per l’Infanzia Don Pierino Arcieri (Via Lancillotti), Scuola per l’Infanzia Carrara Gioia (Piazza S. D’Acquisto), Scuola per l’Infanzia Falcone e Borsellino (Via Padre Kolbe), Scuola per l’Infanzia/Asilo S. Rita (Via Terlizzi), Scuola per l’Infanzia Don Pino Puglisi (Via Cadorna), Parco Nassirya (Misericordia Nuova), Parco Don Milani (Via A. Vescovo/S.Pietro), Parco dei Dinosauri (Via S. Andrea), oltre gli interventi di prossima attuazione in Piazza S. Pertini (Nuovo Peep)”.