Secondo anno consecutivo per il convegno “L’impresa si fa, non si racconta 2.0”, l’evento organizzato dalla società biscegliese Riada Partners. Dato il feedback estremamente positivo riscontrato lo scorso anno, Riada ha deciso di riproporre la conferenza sempre a Trani, all’interno dell’aula magna dell’università LUM “Jean Monnet”. Il convegno, aperto al pubblico, si svolgerà domani, venerdì 11 maggio, a partire dalle ore 17,30.

L’evento può vantare la partecipazione di numerosi esperti nell’ambito finanziario. Interverranno infatti Nicola Fusco, amministratore della società Paladin True, Giacinta Serlenga, giudice del Tar di Bari e vicepresidente nazionale dell’Associazione Nazionale Magistrati Amministrativi (Anma), Savino Agresti, amministratore di Agrolio Srl. Parteciperanno inoltre anche Mariarosaria Scherillo, amministratore di Cle Bari e presidente della sezione Terziario Innovativo e Comunicazione di Confindustria Bari-Bat, Michele Fusaro, amministratore di Proequipe Srl, Margherita Mastromauro (amministratore del Pastificio Riscossa e presidente della Sezione Agroalimentare di Confindustria Bari-Bat, nonché Alberto Binetti, Giudice istruttore e presidente dell’associazione nazionale magistrati Anm Trani. A moderare gli interventi ci sarà l’amministratore delegato di Riada Partners Alessandro Ricchiuti; la conferenza sarà preceduta dai saluti istituzionali del preside della Facoltà di Economia della Lum Antonio Salvi.

“Lo scopo precipuo”, si legge nel comunicato della prima azienda di consulenze manageriali, fiscali e contabili in Italia, “è quello di affrontare il tema del saper fare impresa oggi” approfondendo appunto il confronto tra “impresa” e “giustizia”. Un confronto dal quale scaturiscono – da un lato – tutele a garanzia della sana gestione imprenditoriale ma, al tempo stesso, difficoltà con le quali gli imprenditori devono inevitabilmente interfacciarsi nel proprio percorso”.