Si è svolto in questi giorni l’incontro tra il sindaco Francesco Spina e la Fp (Funzione pubblica) Cgil Bat per discutere del piano triennale di assunzioni redatto dal comune di Bisceglie. Con una nota stampa ufficiale la Cgil Bat fa sapere che durante l’incontro si è discusso più nello specifico circa: “L’urgenza di intervenire  in alcuni settori ed il grave disagio per la carenza di personale” in questo contesto il primo cittadino avrebbe assicurato la propria volontà a voler “attivare ogni procedura utile prevista dalle leggi vigenti in materia di assunzione del personale”.

L’incontro era stato richiesto dalla Fp Cgil Bat circa una decina di giorni fa in occasione della presentazione del piano triennale di assunzioni del Comune (leggi qui). L’organizzazione sindacale ribadisce tramite il suo segretario generale Bat, Luigi Marzano: “un utilizzo eccessivo della tipologia di lavoro flessibile. Non solo, abbiamo anche fatto presente al Sindaco la carenza d’organico che caratterizza alcuni settori, così la scarsità di figure professionali come, per esempio, gli assistenti sociali. È necessario ed urgente, inoltre, rivedere la macrostruttura ed il carico di lavoro (aumentato negli anni a causa delle nuove funzioni e competenze attribuite agli enti locali) a cui fa fronte un personale invecchiato, demotivato, non sempre reso partecipe nell’aggiornamento e formazione”. Per il segretario Fp Cgil Bat è quindi necessario intervenire quanto prima e “attivare nuove forme di dialogo con le figure dirigenziali presenti nell’ente visto che ci troviamo difronte ad una non omogenea applicazione di sistemi di lettura e valutazione interni ma che hanno una notevole ricaduta sull’esterno e sulla comunità dei cittadini fruitori di servizi”.

Secondo quanto riferito dalla Cgil il Sindaco Spina avrebbe riconosciuto il sindacato come: “importante interlocutore per affrontare, in maniera rispettosa nei diversi ambiti di appartenenza e rappresentanza, un confronto che coinvolga tutti nelle tematiche riguardanti l’organizzazione del personale, concordando di stabilire una modalità di consultazione reciproca nei prossimi mesi”. Marzano ha quindi concluso rivolgendosi ai lavoratori: “Garantiamo a questo punto di non abbassare la guardia e soprattutto di vigilare affinché alle parole seguano i fatti nel pieno rispetto delle regole”.